I vantaggi fiscali per gli ascensori per disabili     
19
Mar

I vantaggi fiscali per gli ascensori per disabili     

Ascensori

Sommario:

Quali sono le agevolazioni fiscali per i disabili? Per le persone con disabilità e i loro familiari sono previste numerose agevolazioni fiscali.
Tra queste ricordiamo: la detrazione delle spese sostenute per gli addetti all’assistenza o per l’eliminazione delle barriere architettoniche, le agevolazioni previste nel settore auto, quelle previste per i non vedenti e per i sordi, quelle sugli acquisti degli ausili tecnici etc..

Le recenti disposizioni in materia di agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni abitative e per l’abbattimento di barriere architettoniche hanno introdotto interessanti novità per i disabili che desiderano acquistare ascensori o montascale.

Primo tra tutti vi è l’aumento della detrazione ai fini Irpef dal 36% al 50%: con questa agevolazione fiscale un montacarichi o un ascensore per i disabili verrà a costare solo la metà dell’esborso monetario.

È bene approfittare di questo interessante beneficio di natura fiscale, che sarà valido sino al 31 dicembre 2019.

Scopriamo in questa guida quali sono le altre agevolazioni fiscali che i disabili possono fruire a proprio vantaggio e come documentare le spese in sede di dichiarazione dei redditi.

Sia nel caso di un edificio di nuova costruzione, sia in quello di un edificio già esistente, la presenza di ascensori per disabili rappresenta un elemento fondamentale per il rispetto delle esigenze delle persone che vivono frequentemente all’interno dello spazio interessato dall’intervento, o si recano occasionalmente nello stesso. Quella degli ascensori per disabili è una presenza che, oltre che rispettare specifiche prescrizioni di legge, assolverà al necessario dovere morale di garantire a tutti i più semplici e comodi accessi ai piani di una struttura residenziale, commerciale, industriale o di servizio.

Perché conviene installare un ascensore per disabili

Gli ascensori per disabili permettono alle persone affette da varie forme di disabilità di potersi spostare agevolmente all’interno di strutture che hanno più piani. Per questo motivo scegliere di installare un ascensore per disabili realizzato con i massimi standard qualitativi, e con il pieno rispetto delle normative vigenti, è fondamentale per garantire la mobilità ed abbattere ogni barriera architettonica. In questo modo si conseguono degli obiettivi che – al di là delle apposite indicazioni normative – devono essere prioritari in termini di benessere civile e comune convivenza.

I vantaggi fiscali per un montascale per disabili

Chi ha in programma di installare in un edificio, residenziale, aziendale o di altra tipologia, un ascensore per disabili o un altro impianto di sollevamento verticale per persone con disabilità può usufruire di una serie di agevolazioni fiscali e, così, ottenere un notevole risparmio. Gli sgravi, validi anche per un montascale per disabili, comprendono una Detrazione Irpef 50% con un limite massimo di spesa pari a 96 mila euro. Ci sono, poi, ulteriori agevolazioni Irpef, che vanno dal 4% al 36%, per chi installa gli elevatori esterni come servoscala e piattaforme per eliminare le barriere architettoniche dell’edificio.

Montascale a poltroncina, pedane elevatrici per disabili e mini lift per i disabili sono sistemi di elevazione che beneficiano delle agevolazioni fiscali per i soggetti disabili, compresa l’IVA al 4%, e non quella ordinaria del 22%.

Si tratta di interessanti vantaggi che rientrano nelle agevolazioni fiscali per i soggetti disabili contenute nella Legge 104.

Agevolazioni fiscali disabili: detrazione per l’eliminazione delle barriere architettoniche

Tra le agevolazioni fiscali previste per i soggetti disabili, è possibile beneficiare della detrazione per l’eliminazione delle barriere architettoniche.

Tra gli interventi agevolati rientrano:

  • i lavori che vengono svolti per realizzare strumenti che siano idonei a favorire la mobilità interna ed esterna dei disabili, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo tecnologico,
  • i lavori effettuati per l’eliminazione delle barriere architettoniche (ascensori e montacarichi),
  • la realizzazione di un elevatore esterno all’abitazione,
  • la sostituzione di gradini con rampe, sia nei condomini che nelle singole unità immobiliari.

La detrazione Irpef è pari al:

  • 50%, da calcolare su un importo massimo di 96.000 euro, se la spesa viene sostenuta nel periodo compreso tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2019,
  • 36%, da calcolare su un importo massimo di 48.000 euro, per le spese effettuate dal 1° gennaio 2020.

L’Agenzia delle Entrate sottolinea che la detrazione è prevista solo per interventi sugli immobili effettuati per favorire la mobilità interna ed esterna dei soggetti affetti da disabilità.

Inoltre, questa detrazione non è fruibile contemporaneamente alla detrazione del 19% prevista per le spese sanitarie riguardanti i mezzi necessari al sollevamento del disabile.

Ad esempio, l’acquisto dei telefoni a viva voce, dei pc o delle tastiere espanse non rientrano tra le agevolazioni fiscali previste per i disabili. Per questa categoria di beni, è fruibile la detrazione Irpef 19%.

Agevolazioni fiscali disabili: chi ha diritto alle detrazioni?

Ecco le categorie di soggetti che hanno diritto alle detrazioni fiscali al 19% e al 50%.

Detrazione Irpef 19%

Hanno diritto alla detrazione IRPEF del 19% sull’intero importo della spesa sostenuta per l’acquisto di un mini ascensore o di un montascale tutti i disabili che “presentano una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa, tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione”.

Ha diritto alla detrazione anche il contribuente che ha fiscalmente a carico il soggetto portatore di handicap.

Si ricorda che la condizione di invalidità deve comportare “menomazioni funzionali permanenti con ridotte o impedite capacità motorie”.

Detrazione Irpef 50%

Tutti i contribuenti che installano un montascale o una piattaforma elevatrice, in un immobile di proprietà o detenuto ad altro titolo (usufrutto, abitazione, locazione, comodato) situato in Italia, possono beneficiare della detrazione IRPEF del 50%.

Agevolazioni fiscali disabili: quali documenti presentare?

Quali sono i documenti da presentare in sede di dichiarazione dei redditi?

Per beneficiare della detrazione del 19%, è necessario presentare tutte le fatture relative alle spese sostenute dai disabili e portare l’importo in detrazione.

Per ottenere la detrazione del 50%, è necessario presentare il bonifico “parlante” attraverso il quale i disabili o i familiari degli stessi hanno provveduto al pagamento delle spese.

Il bonifico deve indicare:

  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione (al quale devono essere intestate le fatture),
  • la causale del pagamento: “installazione di un montascale/piattaforma elevatrice al fine dell’abbattimento delle barriere architettoniche”,
  • la Partita IVA del destinatario del bonifico,

 

L’importo pari al 50% della spesa può essere portato in detrazione in 10 anni.

Si ricorda che la detrazione si applica interamente nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno nel quale si è provveduto al pagamento della spesa.

Agevolazioni fiscali disabili: contributi abbattimento barriere architettoniche

La Legge n. 13 del 1989 disciplina la possibilità di beneficiare di contributi per interventi atti al superamento delle barriere architettoniche su immobili privati ove risiedano disabili.

La domanda per richiedere il contributo deve essere presentata al Sindaco del comune nel quale si trova l’immobile, in carta da bollo, dal disabile per l’immobile nel quale egli risiede in modo abituale.

Alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione:

  • certificato medico in carta semplice, che può essere redatto e sottoscritto da un qualsiasi medico,
  • descrizione sommaria della spesa prevista,
  • autocertificazione nella quale indicare l’ubicazione dell’immobile dove risiede colui che presenta l’istanza.

Il contributo può essere erogato per un insieme di opere connesse funzionalmente, ma anche per una singola opera.

I vantaggi dei miniascensori per disabili

Oltre alle agevolazioni fiscali che i soggetti disabili possono beneficiare fino al 31 dicembre 2019, scopriamo quali sono i vantaggi dei mini ascensori per i disabili.

Gli ascensori per disabili non possono essere installati ovunque: richiedono delle dimensioni ben precise fissate dalla legge e non sempre lo spazio che dovrebbe ospitarli si rivela adeguati. In questi casi i miniascensori per disabili rappresentano una valida soluzione per tutti i proprietari di case private e piccoli edifici che necessitano di un pratico strumento di trasferimento verticale tra diversi piani ma, allo stesso tempo, non hanno la convenienza o la possibilità ambientale o tecnica per poter installare un ascensore di dimensioni standard. Guarda l’offerta completa di Millepiani Elevators dedicata ai miniascensori adatti a qualsiasi utilizzo.

Per maggiori informazioni o per richiedere un Preventivo personalizzato contatta il Millepiani Elevators S.p.A:

Telefono +39 02 96690901

Email: millepiani@millepiani.com.

 

 

, , , ,



Potrebbero Interessarti