Vantaggi legge 104: agevolazioni per installazione ascensori
28
Set

Vantaggi legge 104: agevolazioni per installazione ascensori

News

Quali sono i vantaggi della Legge 104 del 1992? Molte sono le agevolazioni previste per la platea di soggetti contribuenti fiscali che rientrano nella sfera di applicazione della Legge 104 del 1992.

Anche se la normativa oggetto di approfondimento ha subito diverse modifiche e revisioni apportate dal Legislatore, sono davvero interessanti e innumerevoli i benefici concessi ai disabili e ai familiari che li assistono.

Tra i principali vantaggi della Legge 104 annoveriamo le agevolazioni fiscali per l’installazione degli ascensori e l’abbattimento delle barriere architettoniche, i bonus e i permessi, il congedo straordinario, la scelta della sede di lavoro, l’acquisto dell’auto, il rifiuto del trasferimento e tante altre misure interessanti.

Scopriamo in questa guida quali sono i principali benefici derivanti dall’applicazione della Legge 104/92.

Agevolazioni per disabili

La Legge 104 del 5 febbraio 1992 riconosce permessi, agevolazioni e sgravi fiscali alle persone con disabilità e ai loro famigliari (coniugi, parenti o affini entro il 2° grado).
La normativa ha come obiettivo primario quello di favorire “l’assistenza, l’integrazione sociali e i diritti delle persone handicappate”  il che significa – non solo rispondere alle speciali esigenze di questi soggetti – ma aiutarli ad affermare il proprio diritto a realizzarsi e autodeterminarsi, con libertà e indipendenza. La Legge 104 quindi non si limita ad affermazioni teoriche ma introduce un sistema di permessi, congedi e agevolazioni che possano realmente aiutare le persone disabili e i parenti prossimi.

Vantaggi legge 104: Congedo straordinario

La Legge 104 del 5 febbraio 1992 sancisce che i lavoratori dipendenti familiari di un disabile hanno diritto ad un congedo retribuito (cfr. art. 42 c. 5-5 ter Dlgs. 151/2001) della durata, continuativa o frazionata, di 24 mesi nell’arco dell’intera vita lavorativa del soggetto istante.

Fatti salvi i casi di pagamento diretto, per i periodi di assenza, il trattamento economico è anticipato dal datore in busta paga ed è a carico dell’INPS.

Il congedo straordinario spetta ad un solo lavoratore per l’assistenza alla stessa persona disabile (coniuge, genitore, figlio convivente, fratelli/sorelle conviventi).

Vantaggi legge 104: rifiuto del trasferimento

Ai sensi dell’articolo art. 33 c. 5-6 L. 104/92, i soggetti disabili o i loro familiari possono rifiutarsi di essere trasferiti dal datore ad altra sede.

Con le sentenze n. 24775/2013 e n. 16102/2009, la Cassazione ha affermato che il trasferimento può essere disposto se la presenza del lavoratore genera contrasti, con rilevanti ripercussioni sul regolare espletamento dell’attività lavorativa.

Vantaggi legge 104: acquisto autovettura

La normativa prevede la possibilità per i disabili, per coloro che hanno ridotte capacità motorie e per i familiari dei disabili di acquistare un’auto da utilizzare a beneficio degli stessi.

Tra i principali vantaggi fiscali ricordiamo:

  • Esenzione del bollo;
  • Detrazione Irpef pari al 19% del costo sostenuto calcolata su una spesa massima di 18.075,99 euro;
  • Iva al 4% sul prezzo d’acquisto;
  • Esonero dall’imposta di trascrizione sui passaggi di proprietà.

Vantaggi legge 104: sede di lavoro più vicina al domicilio

La Legge 104 del 1992 sancisce che tutti i lavoratori che abbiano compiuto i 18 anni, ma siano affetti da problemi di disabilità hanno diritto di scegliere la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio (cfr. art. 33 comma 5-6 L. 104/92).

La regola è stata estesa anche ai familiari del disabile che lavorano e gli prestano assistenza. Nella platea dei beneficiari rientrano:

  • coniugi,
  • conviventi,
  • parenti o affini entro il 2° grado,
  • parenti o affini entro il 3° grado, se i genitori o il coniuge del disabile hanno compiuto i 65 anni.

Anche questi soggetti, come previsto dalla Legge 104/92, possono optare per la sede di lavoro più vicina al domicilio del soggetto disabile da assistere.

Vantaggi legge 104: bonus bollette elettriche

L’Autorità per l’Energia ha deciso di concedere un bonus bollette elettriche per coloro che sono affetti da disagio fisico, compresi i nuclei familiari in cui sia presente un soggetto disabile costretto ad usare macchinari elettromedicali per il mantenimento in vita:

  • Apparecchiature di supporto alla funzione renale,
  • Apparecchiature di supporto alla funzione cardio-respiratoria,
  • Apparecchiature di supporto alla funzione alimentare e attività di somministrazione,
  • Dispositivi per la prevenzione e la terapia di piaghe da decubito,
  • Mezzi di trasporto e ausili per il sollevamento disabili (carrozzine elettriche, montacarichi, ascensori, sollevatori mobili, etc.).

Vantaggi legge 104: detrazione spese mediche

La Legge 104 del 1992 ha previsto la possibilità di beneficiare di una detrazione Irpef del 19% a favore del disabile o del familiare che l’abbia a suo carico per le seguenti voci di spese mediche:

  • Acquisto di mezzi d’ausilio alla deambulazione;
  • Spese mediche specialistiche;
  • Acquisto di poltrone per inabili e apparecchi correttivi.

Vantaggi legge 104: detrazioni fiscali

All’interno del testo di legge è presente una sezione dedicata all’eliminazione delle barriere architettoniche, in cui sono specificati i casi in cui è possibile accedere alle detrazioni fiscali Irpef e in quale misura. La normativa sancisce che tutti gli interventi di ristrutturazione edilizia dell’immobile – volti a migliorare la qualità della vita del disabile e dei suoi famigliari – sono soggetti a detrazione Irpef pari al 50%, da calcolare su un importo massimo di 96.000 euro, se la spesa viene sostenuta nel periodo compreso tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2019. La detrazione Irpef scende al 36%, da calcolare su un importo massimo di 48.000 euro, per le spese effettuate dal 1° gennaio 2020.

Inoltre, è applicabile l’aliquota Iva agevolata del 4% anziché quella ordinaria del 22%.

La normativa sancisce che la detrazione è prevista solo per gli interventi sugli immobili con la finalità di favorire la mobilità interna ed esterna e non è fruibile contemporaneamente alla detrazione del 19% prevista per le spese sanitarie per i mezzi di sollevamento del disabile.

Inoltre, non si applica la detrazione per il semplice acquisto di strumenti o beni mobili. Ad esempio, l’acquisto dei telefoni a viva voce, dei pc o delle tastiere espanse beneficiano della detrazione Irpef 19%.

È importante specificare che, le agevolazioni fiscali in merito all’abbattimento delle barriere architettoniche non sono fruibili contemporaneamente a quella prevista per le spese sanitarie relative i mezzi necessari per il sollevamento del disabile.

Quali sono gli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche

Per abbattimento delle barriere architettoniche si intende la rimozione di tutti gli ostacoli che possono impedire o precludere la mobilità interna o esterna di un disabile. Rientranegli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche l’installazione di ascensori, montacarichi, piattaforme elevatrici, montascale, rampe, servoscale e altri dispositivi idonei a favorire la mobilità interna ed esterna.
Millepiani Elevators può affiancare disabili e famigliari nella scelta e nell’installazione di impianti che consentano una migliore mobilità all’interno e all0esterno di un edificio. Per ricevere maggiori informazioni è possibile compilare il form presente nella pagina Contatti oppure telefonare allo 02 96690901.

Per maggiori informazioni o per richiedere un Preventivo personalizzato contatta il Millepiani Elevators S.p.A:

  • Telefono +39 02 96690901
  • Email: millepiani@millepiani.com.

 

 

 

, , ,



Potrebbero Interessarti