Piattaforme elevatrici per interni: soluzione ideale per la mobilità negli edifici
15
Ott

Piattaforme elevatrici per interni: soluzione ideale per la mobilità negli edifici

In evidenza, Modernizzazione, Piattaforme elevatrici

Le piattaforme elevatrici per interni sono definite anche mini ascensori o minilift in quanto svolgono la medesima funzione dei sistemi di elevazione. Si tratta di impianti che permettono il superamento dei dislivelli verticali all’interno di case indipendenti, ville e in alcuni casi negli stabili condominiali.

Le piattaforme elevatrici per interni rappresentano utili impianti per poter agevolare il trasporto di persone e di cose all’interno degli edifici, mediante un sicuro movimento verticale: una soluzione ideale per poter consentire un miglior spostamento all’interno di strutture residenziali e non residenziali, distribuite su più piani, e in grado di adattarsi facilmente a qualsiasi ambiente con ridotti costi e minimi disagi, e – d’altra parte – con vantaggi immediati e benefici durevoli nel tempo.

Rispetto agli impianti elevatori tradizionali, le piattaforme elevatrici per interni hanno un prezzo inferiore di installazione, gestione e manutenzione e una minore esigenza di spazio.

Piattaforme elevatrici per interni: Normativa di riferimento

Dal punto di vista normativo, le piattaforme elevatrici per interni sono disciplinate dalla Direttiva Macchine della Comunità Europea n. 42 del 2006.

È necessaria una licenzia concessa dal Comune e si deve sottoporle a manutenzione ordinaria, a ispezioni periodiche e a verifica obbligatoria ogni due anni. Tutte le ispezioni devono avvenire tramite organismo certificato.

Per la segnalazione di emergenza, la normativa prevede l’installazione di un apparecchio bi-direzionale collegato ad una centrale operativa.

Piattaforme elevatrici per interni: una soluzione smart per superare le barriere architettoniche

La presenza di una scala o di un dislivello possono rappresentare seri ostacoli per le persone disabili, per gli ipovedenti, per i sordi e per tutte le persone affette da disabilità.

Nel panorama attuale, oltre agli ascensori, le piattaforme elevatrici per gli interni consentono di superare le barriere architettoniche in carrozzina e consentono una mobilitazione verticale all’interno di una casa indipendente o all’interno di un condominio.

Infatti, rispetto ad un montascale che si muove in obliquo, la piattaforma elevatrice per interni è progettata per muoversi verticalmente, semplificando la vita delle persone disabili o con problemi di mobilità.

Le piattaforme elevatrici per interni sono essenzialmente costituite da una cabina in cui la persona disabile sale con la sedia a rotelle e che si muove su e giù azionata da un motore, aiutando così a superare l’ostacolo o ad accedere ad un altro piano. A seconda della tipologia di barriera architettonica, si possono trovare in commercio piattaforme elevatrici per interni che possono superare dislivelli differenti.

Sono installabili all’interno di un contesto privato o pubblico.

Le piattaforme elevatrici lasciano libera la scala da un ingombro importante e consentono, nella maggior parte dei casi, un uso autonomo.
Hanno la funzione di risolvere in modo semplice e poco invasivo la presenza di barriere architettoniche e garantiscono lo spostamento autonomo della persona con difficoltà a camminare o sulla sedia a rotelle.
Rispetto ad un ascensore, la piattaforma elevatrice per interni ha una struttura molto piccola e necessita di una fossa di dimensioni ridotte.

Il consumo elettrico è sempre molto modesto, per questo è possibile installare una piattaforma elevatrice anche all’interno di un’abitazione, senza apportare modifiche all’impianto elettrico esistente.
Per quanto concerne le dimensioni, le piattaforme elevatrici occupano poco spazio e possono essere realizzate su misura, anche in spazi angusti.

Inoltre, è possibile personalizzare i vari modelli a seconda delle diverse esigenze degli utenti.

Piattaforme elevatrici per interni: Caratteristiche

Le piattaforme elevatrici per interni sono mini ascensori adibiti al trasporto di una persona con disabilità motorie, ma con costi di installazione, di manutenzione e tempi di montaggio decisamente inferiori.

Per quanto concerne la tecnologia di installazione della piattaforma elevatrice può essere elettrica o idraulica.

Quella idraulica è più facile da installare ma richiede un apposito armadio per la centralina e il contenimento del quadro di manovra, mentre quella elettrica consuma meno, è più ecologica ed anche l’armadio del quadro di manovra ha dimensioni più contenute.

La potenza della piattaforma elevatrice per interni va da 1 kW a 2,2 kW. La variazione di potenza varia a seconda della grandezza della piattaforma. La portata della piattaforma elevatrice per interni varia dai 240 ai 425 kg. In ogni caso, è bene evitare l’utilizzo improprio della piattaforma elevatrice: esso comprometterebbe il funzionamento.

Lo stile classico o moderno, il colore della cabina, il corrimano, le porte manuali o automatiche sono tutti componenti ed elementi da valutare attentamente prima di installare la piattaforma elevatrice. Questa tipologia di piattaforme rappresenta la soluzione ideale per persone con difficoltà motorie e per chiunque necessiti di un maggiore comfort nel superamento dei dislivelli all’interno del contesto abitativo.

Tutti i plus delle piattaforme elevatrici per interni

Le limitate dimensioni delle piattaforme elevatrici per interni ne fanno il prodotto ideale per l’installazione all’interno di vani scala particolarmente ridotti (si pensi, a titolo di esempio, alle vecchie abitazioni costruite nei centri storici): in ogni caso, la predisposizione “su misura” del dispositivo, ne consentirà l’applicazione in ogni spazio, senza pregiudicare l’efficienza, il comfort e la silenziosità degli impianti più innovativi, strumenti fondamentali per garantire il miglior accesso ai piani, accrescere il valore della propria abitazione nel tempo, e donare all’edificio un maggior prestigio e funzionalità.

Sempre in merito della grande flessibilità ed efficacia delle più moderne piattaforme elevatrici per interni, si ricorda come le stesse possano servire anche 5 piani diversi nel pieno rispetto delle caratteristiche architettoniche dell’ambiente, e dei requisiti di opportuna sicurezza tecnica: un ulteriore tassello di valutazione, che consente alle piattaforme elevatrici per interni di poter essere installate ovunque, con consumi contenuti (la fruizione di energia elettrica è simile a quella che si potrebbe ottenere attraverso l’uso di un comune elettrodomestico).

In aggiunta a quanto sopra, può esser ben utile ricordare come l’attenzione tecnica e tecnologica non tralascia l’accortezza nella cura dei dettagli e delle rifiniture: i più competitivi produttori di piattaforme elevatrici per interni, infatti, permettono alla propria clientela di poter scegliere la combinazione preferita all’interno di una vasta gamma di optional e di colori disponibili, realizzando pertanto un prodotto pienamente personalizzabile sulla base delle specifiche necessità del cliente.

Agevolazioni

Le recenti disposizioni in materia di agevolazioni fiscali per ristrutturazioni abitative e per l’abbattimento di barriere architettoniche hanno introdotto una novità relativa all’acquisto e all’installazione di piattaforme elevatrici per interni.

L’acquisto e l’installazione delle piattaforme elevatrici per interni sono operazioni rese ancora più convenienti dalle agevolazioni fiscali e dai contributi vigenti sul territorio italiano. In particolare, è possibile attingere alla detrazione Irpef del 19% per interventi di eliminazione delle barriere architettoniche e, ove ne ricorrano i requisiti, anche alla detrazione Irpef del 50% per gli interventi di ristrutturazione. In aggiunta, si rammenta come sia possibile usufruire di un’IVA agevolata al 4%, e dei contributi per l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati.

Maggiori informazioni

Per maggiori informazioni contattate Millepiani Elevators



Potrebbero Interessarti