Allarme ascensore: normativa, sistema di telesoccorso e terminali vivavoce
20
Dic

Allarme ascensore: normativa, sistema di telesoccorso e terminali vivavoce

Ascensori

In linea con quanto sancito dalla Direttiva Ascensori (2014/33/UE), vi è l’obbligatorietà di dotare ogni ascensore di un dispositivo di allarme in cabina che permette ad ogni passeggero di comunicare la necessità di richiedere aiuto e di mantenere un collegamento con un servizio di soccorso.

Ogni sistema di telesoccorso ascensore deve essere assolutamente conforme alle normative EN 81-20 e EN 81-28.

Scopriamo tutti i dettagli in questa guida.

 

Sistema di telesoccorso ascensore obbligatorio: quali sono i vantaggi?

Paura di rimanere bloccato all’interno della cabina dell’ascensore a causa di un guasto o dell’interruzione di energia elettrica? Quante volte nella vita ci è capitato! Si tratta di una situazione particolarmente traumatica che può comportare non pochi disagi e problemi, soprattutto per le persone più sensibili, come i bambini, i grandi anziani o chi è affetto da disabilità.

Per questo, la normativa vigente ha cercato di adeguare gli standard qualitativi in linea con le esigenze di questo target di utenza.

L’obbligo di installare i sistemi di telesoccorso che permettono agli occupanti di ricevere un’assistenza da remoto risponde all’obiettivo di cercare di ridurre i disagi e le situazioni di panico, che possono cogliere alla sprovvista quando si è all’interno della cabina di un ascensore che si blocca.

Fortunatamente, per chi rimane “intrappolato” in un ascensore, gli allarmi e le chiamate al cellulare non sono più solo gli unici mezzi di contatto con l’esterno.

Il sistema di telesoccorso ascensore obbligatorio consente a chi rimane bloccato, all’interno della cabina ascensore, di inviare l’allarme ad un centro di assistenza, che deve essere operativo 24h/24, tramite linea telefonica urbana o GSM. Questo funziona anche in assenza di corrente, essendo provvisto di una batteria di emergenza.

Grazie a questo sistema “smart” possiamo avere la certezza che ci sia sempre qualcuno pronto a rispondere alle richieste di aiuto, inviando tempestivamente dei tecnici sul posto.

 

Aspetti tecnici del sistema di telesoccorso ascensore

Per quanto concerne gli aspetti tecnici relativi al sistema di telesoccorso ascensore, dal 2003 è vigore la UNI 81-28 che regolamenta gli standard del sistema di soccorso e dei sistemi di telecontrollo, cruciali per il monitoraggio e la prevenzione dei guasti, per garantire una maggiore sicurezza per l’utenza.

Come sancito dalla normativa vigente, è cogente che all’interno della cabina dell’ascensore siano presenti dei segnali luminosi che indichino il corretto invio della richiesta di soccorso all’esterno.

Per questo, è obbligatorio eseguire controlli regolari con cadenza non superiore a 3 giorni per verificare correttamente che il sistema di telesoccorso dell’ascensore sia perfettamente funzionante.

Questi possono essere eseguiti con test automatici che permettono di monitorare che la linea di telesoccorso sia sempre perfettamente attiva, così come la batteria di emergenza.

Per diagnosticare eventuali anomalie e possibili malfunzionamenti ancor prima che si manifestino, è importante telecontrollare, anche da remoto, il corretto e regolare funzionamento degli impianti, prima che accada qualche evento accidentale che può impattare negativamente su chi rimane “intrappolato” all’interno dell’ascensore.

 

Allarme ascensore: Quali sono le principali funzioni?

Ogni sistema di telesoccorso bidirezionale deve essere in grado di espletare tali funzioni di seguito ascrivibili:

  • possibilità di impostare e di verificare le programmazioni sia da remoto che localmente
  • possibilità di programmare fino a 10 numeri telefonici diversi (funzione di telesoccorso, allarmi tecnologici, allarme batteria, inoltro chiamata, etc.),
  • telediagnosi automatica a giorni e fasce orarie programmabili,
  • funzione di filtro chiamate per escludere i falsi allarmi (opzionale),
  • inoltro allarme batteria scarica (opzionale),
  • relè programmabile per la gestione automatica dell’allarme ricevuto/inoltrato,
  • possibilità di collegamento ad un sistema viva-voce e segnalazione LED di allarme inviato/ricevuto,
  • cornetta telefonica che funge anche da citofono (opzionale),
  • codici di accesso che proteggono il sistema di configurazione delle varie funzionalità.

Grazie al pulsante di allarme posto all’interno della cabina si attiva una comunicazione telefonica tra utente “intrappolato” all’interno dell’ascensore del centro di assistenza.

Come si utilizza il sistema di telesoccorso bidirezionale?

Premendo il pulsante d’allarme, solitamente per 5 secondi, gli utenti che chiedono soccorso ascolteranno un messaggio preregistrato.

In questo modo, si può stare tranquilli e avere la possibilità di beneficiare di immediata assistenza.

La linea telefonica sarà sempre libera, essendo appunto una linea dedicata; l’addetto del centro servizi quindi si attiverà subito per mettersi in comunicazione telefonica con gli utenti all’interno della cabina.

Nel caso in cui ci sia la caduta accidentale della linea telefonica prima del collegamento con la centrale di soccorso, il sistema di telesoccorso dispone di un temporizzatore in grado di ristabilire lo stato d’allarme, garantendo la possibilità di rilanciare la chiamata.

Non bisogna dimenticare il fatto che i terminali vivavoce del sistema di telesoccorso garantiscono una qualità audio superiore rispetto ai tradizionali sistemi citofonici.

Inoltre, anche gli installatori sono avvantaggiati grazie alla possibilità di regolare digitalmente i volumi dell’allarme ascensore anche da remoto, senza dover intervenire manualmente.

Grazie agli aggiornamenti normativi ed all’evoluzione della tecnologia, si può davvero stare tranquilli in caso di blocco dell’ascensore, e non lasciarsi prendere dal panico!

, ,



Potrebbero Interessarti